Lettera alle Giubbe Rosse, 1988

Messaggio di stato

Locating you...
Lettera alle Giubbe Rosse - Ruffey 1988 - illustrazione mano di cavaliere

Questa è la lettera allegata ai quaderni di viaggio dopo l'esperienza della vacanza a Ruffey del 1988.  

«Alle Giubbe Rosse

Associazione per la promozione degli Uomini Nuovi.

Questo quaderno esce, anno dopo anno, per narrare le avventure dei nostri Pensionati di studio e di vacanza vissute ormai in ogni angolo della terra.
Esso serve a ricordare, a riempire i momentidi solitudine, a immaginare altre strade. 
E' spesso difficile far capire chi siamo noi tutti, perché la nostra esistenza si svolge nel quotidiano vissuto intensamente, in silenzio, in presenza che vuol promuovere noi tra noi, gli altri con noi mentre abbiamo bisogno di urlare al mondo le nostre scoperte.
E' della Giubba Rossa la salute di quando sa intuire, immaginare, creare sforzandosi di non lasciarsi assistere o socializzare. E' della Giubba Rossa il sapere di essere attesa, interrogata in casa, per la strada, sul lavoro, in università. E' della Giubba Rossa stendere una mano e a fine un sorriso grande così al Padre e alla Madre, ai fratelli, ai compagni. E' della Giubba Rossa pretendere che gli altri si accorgano che essa c'è.
Per questo siamo partiti per Ruffey a studiare, a viaggiare, a far teatro, a discutere, a fare follie tra un castello, un parco e i padiglioni del mistero sotto la torre dei milanesi che di notte raccoglieva, la civetta, il ghiro e i piccoli del porcospino. Sanno ora le pietre, le sale e i saloni più memorie di quelle che i loro secoli di vita hanno raccolto: sono passate le Giubbe Rosse.
Ora passate voi queste pagine per ricordare e ripartire.»

Gli utenti registrati possono scaricare l'originale in pdf, usando un link in calce all'articolo, nascosto ai navigatori anonimi.

Tags: